FAQ

Home / FAQ

Tutte le domande più frequenti sui nostri corsi

Se non trovi la risposta che cercavi contattaci!

Chi può iscriversi all’ITS?

Tutti coloro che sono in possesso di un Diploma d’istruzione secondaria di secondo grado, senza limiti d’età. È consentita l’iscrizione anche a candidati in possesso di titolo superiore ( es, laurea). Sono considerati titoli preferenziali la coerenza del diploma con l’area del percorso formativo, il voto del diploma, il possesso di certificazioni informatiche.

I cittadini comunitari o extracomunitari, residenti in Italia, sono soggetti alle stesse regole per i cittadini italiani: i documenti necessari per l’iscrizione dovranno pervenire regolarizzati dalle Autorità Consolari Italiane operanti nel paese di origine dello studente.

Come ci si iscrive all’ITS?

Per iscriversi all’ITS bisogna prima inviare il modulo di iscrizione. Coloro che hanno inviato la domanda di iscrizione saranno convocati per  effettuare  la selezione d’ingresso: un test di cultura generale a risposte multiple e un colloquio). Dopo le prove d’esame  sarà stilata una graduatoria – basata sul punteggio dei risultati dell’esame e la valutazione dei titoli –  per individuare i primi 25 candidati che potranno frequentare gratuitamente i corsi.  L’iscrizione alle selezioni avviene secondo le modalità illustrate nel bando,  compilando il form d’iscrizione e la modulistica scaricabile dal sito .

Dopo aver superato le prove di selezione, il candidato dovrà effettuare la regolare iscrizione al biennio, al momento della comunicazione ufficiale da parte della Segreteria.

Come è strutturato il test d’ingresso?

Il test è composto da un questionario a risposte multiple, su nozioni di cultura generale e conoscenze di base delle discipline del corso, e da un colloquio motivazionale con la Commissione di esperti nominata dalla Fondazione ITS Apulia Digital Maker.

Quali sono le differenze tra ITS e Università?

Sia gli Istituti Tecnici Superiori che le Università dal  Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e, insieme alle accademie, compongono il sistema della formazione post-diploma.
Gli ITS hanno una durata minore, privilegiano  l’esperienza pratica – il motto è quello dell’imparare facendo – sono incentrati sul rapporto diretto con le imprese e riprogettando ogni anno i percorsi per essere allineati con le esigenze del mercato del lavoro.

Che valore ha il diploma ITS?

Il diploma rilasciato da fondazioni ITS è classificato a livello europeo come Diploma Superiore di Quinto Livello EQF. I diplomi di tecnico superiore costituiscono titolo per l’accesso ai pubblici concorsi ai sensi dell’articolo 5, comma 7, del D.P.C.M 25 gennaio 2008.

I corsi prevedono il riconoscimento di crediti universitari ( CFU) ?

Se richiesti, sulla base dei regolamenti didattici delle Università , potranno essere riconosciuti crediti formativi per alcuni moduli didattici( rif. decreto attuativo di cui all’articolo 14, comma 3, della legge 30 dicembre 2010, n. 240. ) Il numero di CFU varia a seconda dei corsi svolti e dagli standard dell’Università in cui si vuole accedere.

C’è l’obbligo di frequenza?

Si, l’obbligo di frequenza è pari ad almeno l’80% delle ore, comprensive di lezioni e stage.

Bisogna acquistare dei libri?

No. Il materiale didattico viene fornito interamente dall’ITS

È prevista una retribuzione per gli stages e tirocini?

No. Stage e tirocini all’interno del percorso di formazione ITS, hanno appunto una valenza formativa. Si svolgeranno quindi senza retribuzione.

L’iscrizione ai corsi interamente gratuita?

Si. I percorsi sono finanziati da Regione Puglia, MIUR e Fondazione ITS.

Solo per il conseguimento delle attestazioni specifiche dei corsi ( livello B” lingue, brevetto droni, certificazioni) – la cui formazione è interamente finanziata dall’ITS – è previsto il pagamento ai relativi Organismi di Certificazione. Molti degli studenti, hanno però accesso a borse di studio all’interno di progettualità specifiche che permettono anche il conseguimento gratuito dei titoli.